Furgone parcheggiato ha dentro 168 monitor appena rubati: sequestro da 35mila euro

L'accaduto a Pozzuolo Martesana. A scoprire il carico i carabinieri

All'interno di un furgone parcheggiato tra i pannelli fotovoltaici i carabinieri hanno scoperto 168 monitor per pc appena rubati. L'accaduto martedì mattina sulla strada provinciale 103 (la Cassanese) all'altezza di Pozzuolo Martesana (Milano) dove i carabinieri hanno sequestrato il mezzo e il materiale rubato.

I militari hanno notato il veicolo vicino a un'area di servizio, fuori degli stalli di sosta e a ridosso di una sterrata dove è installato un impianto forovoltaico. Visto che il furgone aveva il portellone chiuso solo con il filo di ferro, i carabinieri hanno deciso di approfondire il controllo, contattando il proprietario, un artigiano 44enne ignaro di tutto: il mezzo gli era stato sottratto nella notte a Trezzano sul Naviglio.

Dentro all'autocarro sono stati trovati 168 monitor per pc del valore commerciale di oltre 35mila euro. Come poi ricostruito i dispositivi erano stati rubati nel corso della notte precedente a Cavenago di Brianza (Mb) da un autoarticolato. I malviventi infatti avevano agito all’esterno di un’importante piattaforma  del posto, approfittando di un momento di riposo del conducente, di nazionalità lituano.

Dopo aver numerato tutta le refurtiva, i militari hanno riconsegnato i monitor e il veicolo rubato ai rispettivi proprietari, indirizzando le ricerche verso gli autori dei due furti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento