Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Via Monte Santo

Armati e pronti a sparare, tentano di investire un carabiniere: smantellata banda di ladri

Nei guai quattro ladri, sarebbero i responsabili di diversi colpi messi a segno in Brianza

In macchina avevano una pistola carica e pronta a sparare. Quando hanno capito di essere alle strette hanno tentato di investire un carabiniere, ma sono stati arrestati. Nella notte tra giovedì e venerdì i carabinieri della compagnia di Desio hanno smantellato una presunta banda di ladri albanesi che, secondo quanto riferito dagli investigatori, negli ultimi mesi avrebbe agito tra il milanese e la Brianza. Nei guai due 33enni, un30enne e un 22enne, accusati di detenzione abusiva di armi, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e detenzione ai fini di spaccio.

I carabinieri sono arrivati a loro seguendo la loro automobile: una Golf bianca. Auto che le telecamere a circuito chiuso avevano inchiodato in diverse zone in cui erano stati messi a segno numerosi furti. Stessa auto. Stesso modello. Sempre con targhe diverse. 

Nella serata di giovedì i carabinieri hanno notato proprio quella Golf bianca con a bordo due dei presunti ladri (i due 33enni) e l'hanno seguita fino in via Montesanto a Monza dove l'hanno bloccata mentre scendeva la rampa di un box. Quando i militari sono scesi per il controllo, il conducente ha tentato di investire uno di loro, ma fortunatamente il carabiniere è riuscito a schivare l'auto, ma cadendo si è procurato una contusione al ginocchio sinistro.

A bordo della vettura è stata rinvenuta una pistola Walther 7.65 con caricatore inserito - rubata ad Ala (Trento) il 7 dicembre scorso. La macchina, inoltre, è risultata rubata a Casatenovo. Sempre all'interno dell'auto è stata trovata la chiave di un box delle vicinanze al cui interno è stata recuperata diversa refurtiva: vini, gioielli e un'altra pistola — una Pyton — rubata a Viggiù (Varese) il 2 dicembre. Non solo: sono saltate fuori anche tre targhe rubate, mille euro in contanti e 150 grammi di hashish.

Altri due complici di 22 e 20 anni della presunta "batteria" sono stati fermati in via Coti Zelati a Paderno Dugnano: i militari li tenevano d'occhio da alcune ore. Nell'operazione sono stati impegnati quindici uomini della compagnia di Desio. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armati e pronti a sparare, tentano di investire un carabiniere: smantellata banda di ladri

MonzaToday è in caricamento