Monza, Guardia di Finanza in Autodromo: si indaga su reati fiscali

Le Fiamme Gialle da questa mattina alle 8 in Autodromo. I finanzieri hanno impedito l'accesso alla sezione amministrativa e soprattutto ai Pc. La perquisizione è stata disposta dal pm Walter Mapelli

L'entrata degli uffici dell'Autodromo

MONZA -  Guardia di Finanza in Autodromo. La mattina di lunedì alle 8 le Fiamme Gialle  sono entrate negli uffici amministrativi del circuito, impedendo l'accesso a chiunque e soprattutto di avvicinarsi ai pc. Bocche cucite, ma pare che le accuse che hanno portato il pm Walter Mapelli a disporre la perquisizione riguardino presunti reati fiscali.  

Sarebbe stato un esposto del presidente di Sias Paolo Guaitamacchi a "mettere in moto" la macchina. Guaitamacchi, che era presente in Autodromo, ha  chiesto di lasciare lavorare gli agenti almeno fino a stasera. Giorgio Beghella Bartoli, responsabile tecnico,  tra i convocati dai finanzieri assieme al direttore dell'Autodromo Enrico Ferrari, è uscito dagli uffici innervosito. "Vi rendete conto che razza di società  è questa?" ha detto rivolgendosi ai giornalisti. Stando a quanto si apprende, si tratta di tutt'altra vicenda rispetto a quella del distributore di idrogeno di Santa Maria delle Selve.

Aggiornamenti nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento