Monza, caldo torrido: i consigli del ministero della Salute

Valgono sempre le regole dettate dal buon senso: bere molto, evitare alcoolici e bevande zuccherate, mangiare molta frutta. Bambini e anziani a casa dalle 11 alle 18

MONZA - I consigli sono sempre gli stessi: bere molto, evitando alcolici e possibilmente bevande con zucchero, mangiare frutta fresca, agrumi, fragole, meloni e verdure colorate che proteggono dai danni provocati dall'ozono. Sconsigliata - si legge sul vademecum pubblicato sul sito del Ministero della Salute - l'uscita a bambini molti piccoli, anziani e persone non autosufficienti durante la fascia oraria della 11 alle 18.

Indossare abiti comodi e leggeri, possibilmente proteggere la testa dal sole con un cappello di colore chiaro e gli occhi con occhiali da sole. Alcune condizioni abitative (es. scarsa ventilazione, assenza di aria condizionata) possono causare disagio ed effetti dannosi sulla salute delle persone più a rischio.

Questo e' vero particolarmente nelle grandi citta' dove, per una serie di caratteristiche (superfici asfaltate, cemento degli edifici, scarsità di copertura vegetale), la temperatura, sia in estate che in inverno, e' più alta rispetto alle zone rurali vicine. Gli effetti del caldo possono inoltre essere piu' gravi per la presenza di elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici, si legge ancora sul sul sito del ministero della Salute. E per tutti quelli che nel week end avranno la possibilita' di andare al mare, il ministero ricorda di proteggere la pelle dai raggi solari con creme al alto schermo, consiglio rivolto in particolare ai bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento