CRI, cade intonaco dalla vecchia sede. Strada chiusa ieri sera

Ha cominciato a cadere dai muri della vecchia sede di via Pacinotti sul lato che affaccia su via Agnesi. Il commissario provinciale Mirko Damasco: "E pensare che su quell'edificio paghiamo anche l'ICI"

Una foto scattata ieri sera

MONZA - Pezzi di intonaco che si staccano, e un esborso da almeno 10, forse 15 mila euro che va ad aggiungersi all'affitto annuale per la sede di Via Piave. Erano le 19.40 di lunedì sera quando   la Polizia Locale ha avvisato il Commissario Provinciale Cri Mirko Damasco della situazione di pericolo che si era creata nella ex-sede di via Pacinotti. Pezzi di intonaco che cadevano da un'intera facciata. Sul posto è intervenuta una squadra di Vigili del Fuoco. La strada è stata immediatamente transennata,  e la circolazione nella via bloccata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VENDERE - "E' una situazione imbarazzante  - commenta Damasco - soprattutto in considerazione del fatto che da anni chiediamo di vendere quell'edificio, trovando inspiegabili opposizioni, ingerenze e interferenze". Il 19 maggio una commissione di CRI ha espresso parere favorevole alla vendita, con l'unica condizione che si realizzi un cambio di destinazione d'uso dell'area nel PGT: da servizio pubblico potrebbe passare, per esempio, a residenziale, per garantire una minima appetibilità. "L'abbiamo già chiesto due volte, anche se - continua Damasco -  dato il costo degli interventi di restauro necessari prima di riutilizzare un complesso abbandonato dal 2005, converrebbe forse raderlo al suolo e ricostruire. Senza contare che su stabile inagibile paghiamo 4.000 euro all'anno di ICI, e adesso di IMU. Speriamo che questa ennesima «goccia» faccia rendere conto a chi di dovere, e alla città, che la  nostra è una situazione urgente e in attesa di essere risolta". A chi  si rivolge esattamente? "Penso alla nuova amministrazione, per il cambio di destinazione d'uso, e agli organi  centrali di Croce Rossa, che devono dare il nulla osta alla vendita".  Questa mattina i tecnici stanno effettuando un sopralluogo per valutare le condizioni della struttura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Il coronavirus torna a far paura: "Situazione può diventare esplosiva, adesso Monza rischia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento