Emergenza freddo, problemi anche al carcere di Monza

Si gela ovunque, caloriferi spenti, caldaie a singhiozzo. In cella i detenuti si riscaldano con i fornelli a gas, i poliziotti e gli addetti con stufette elettriche. La denuncia della Uil penitenziari

Emergenza freddo in questi giorni, in generale a Monza e Brianza e in particolare anche in carcere. Lo denuncia la Uil penitenziari della Lombardia.

"E' un problema generalizzato a tutto l'istituto - spiega Domenico Benemia, segretario regionale del sindacato - le caldaie vanno a singhiozzo". Caloriferi freddi, acqua altrettanto fredda da docce e rubinetti. La situazione è la stessa negli uffici, nella caserma degli agenti di polizia e nelle celle, dove i detenuti cercano di scaldarsi con i fornelli a gas in dotazione.

"Ci siamo attrezzati con stufette elettrice - continua Benemia - m a non riscaldano abbastanza". Un nuovo tassello del gelo eccezionale che in questi giorni sta creando parecchi disagi: dalle scuole che devono tenere accesi i caloriferi di notte al clochard che stava morendo assiderato ai giardinetti di via Azzone Visconti. Per il carcere, poi, è un problema in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento