Anziana morta in casa di riposo: si è soffocata con la cinghia

La donna, 82enne originaria di Monza, era disabile fisica e mentale. La Procura ha aperto un'inchiesta a carico di ignoti per omicidio colposo

Si è soffocata con la cinghia. La Procura ha aprto un'inchiesta

MONZA - Un'anziana degente della casa di riposo don Pozzoli di Canzo (Como), Giuseppina Varisco,  è morta ieri sera soffocata dalla cinghia con la quale era assicurata alla sedia a rotelle sulla quale era costretta. La vittima è una donna di 82 anni originaria di Monza, disabile fisica e mentale, degente dell'istituto di Canzo dal 2008. Da quanto è stato ricostruito l'anziana, rimasta sola per circa mezz'ora, avrebbe allontanato il tavolinetto della sedia a rotelle, scivolando - senza più appoggi - in basso, tanto da restare soffocata nella cinghia. Quando gli addetti si sono accorti di quanto era successo, era ormai troppo tardi. La Procura di Como ha risposto l'autopsia e ha avviato un'inchiesta a carico di ignoti per omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento