Monza, Expo: c’è chi dice No. La protesta scende in piazza.

Mentre in Villa Reale si accendono i riflettori sull'esposizione Universale 2015 una rete di comitati, cittadini e associazioni è scesa in piazza per manifestare pacificamente il dissenso all'evento.

Monza, i No Expo in largo Mazzini.

MONZA - Si sono dati appuntamento in largo Mazzini, armati di passione, bandiere, striscioni e biciclette.
Il popolo degli anti-Expo ha colorato Monza, nella giornata in cui il capoluogo brianzolo ha ospitato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il Presidente del Consiglio Enrico Letta e le massime istituzioni regionali e provinciali.

Mentre Villa Reale veniva insignita ufficialmente del titolo di sede di rappresentanza di Expo 2015, all’esterno scattava la protesta organizzata da una rete di comitati, cittadini e associazioni contrari all’espozione universale e alle grandi opere in cantiere in Lombardia e sul territorio nazionale.

I manifestanti si sono radunati nelle prime ore del pomeriggio in largo Mazzini, per poi congiungersi con un centinaio di “compagni” arrivati in bicicletta da Milano.
Da lì è partito un allegro critical mass per le vie del centro che aveva l’obiettivo di giungere fino ai cancelli della Villa.

Una parata di generazioni diverse, ragazzi, anziani e famiglie al completo uniti dall’ideale.

“Ci hanno venduto l’Expo come una grande opportunità che avrebbe portato investimenti e lavoro, ma la realtà è che guadagneranno solo i costruttori delle grandi opere e i politici, come al solito”, l’idea alla base della protesta.

“Critichiamo l’austerity, qui si lucida la vetrina dell’Expo mentre nel paese cresce la disoccupazione, la povertà e la disperazione” tuonano i manifestanti.

No all’Expo significa anche schierarsi contro la Tem, la Pedemontana, la BreBemi e la Tav.

Il corteo ha attraversato le principali vie del centro storico, da piazza Trento e Trieste a via Manzoni, dall'Arengario a piazza Cambiaghi.

Una decina di ciclisti sono riusciti ad arrivare ai cancelli della Villa Reale ma le forze dell’ordine, schierati in numero ingente, li ihanno invitati cortesemente ad allontanarsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento