Via Castelfidardo: parcheggio selvaggio a due passi dai vigili

"Egregio signor sindaco, sono stato un suo elettore ed è per questo che mi rivolgo (nuovamente) a lei". Comincia così l'email che Guido Matucci ha inviato al primo cittadino Roberto Scanagatti. Nella sua strada non si passa

Ecco come si presenta la situazione in via Castelfidardo

MONZA - "Egregio signor sindaco, sono stato un suo elettore ed è per questo che mi rivolgo (nuovamente) a lei". Comincia così l'email che Guido Matucci ha inviato al primo cittadino Roberto Scanagatti.  Via Castelfidardo, pochi passi dal centro. Parcheggio selvaggio a pochi passi da quella che una volta era la caserma dei vigili: la sosta è autorizzata su un solo lato, ma le macchine parcheggiano ovunque. La strada termina con un caseggiato abitato da 54 famiglie: facile immaginare il traffico. "Ora la caserma non c'è più da qualche mese, ma questa situazione va avanti da anni. Qui si deve entrare e uscire uno alla volta - racconta  Matucci a Monza Today - Chi rientra a casa deve tornare in retro fino a via Mentana  se incontra una macchina che esce, con tutto i pericoli del caso, oltre alla perdita di tempo". L'unico parcheggio in zona è quello di piazza Castello, che però è a pagamento. Paolo Confalonieri, assessore alla Mobilità, ha risposto che se ne occuperà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

monza-via-castelfidardo-parcheggi-2

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si butta a terra all'Esselunga: "Ho fame" e gli regalano spesa. Poi sputa alla guardia

  • Mascherina obbligatoria per uscire: 250mila distribuite gratis a Monza e Brianza

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, in Brianza 111 nuovi casi: al via la distribuzione (gratis) di mascherine

  • Coronavirus, nuova crescita di casi in Brianza: 141 nuovi contagi. A Monza oltre 500 positivi

  • La lettera dell'infermiera del San Gerardo: "Ho stretto le mani di chi moriva solo"

Torna su
MonzaToday è in caricamento