Tir rubati e rivenduti in Africa e Medio Oriente: dieci indagati

Una banda internazionale si occupava di procurarsi i veicoli rubandoli dai cantieri, per poi "ripulire" i documenti e venderli all'estero

MONZA - TIR rubati e rivenduti in Medio Oriente e Nord Africa. Una banda composta da cinque italiani, due siriani, un algerino, un kosovaro e un rumeno è   stata individuata dalla Guardia di Finanza di Trieste in collaborazione coi colleghi di Monza, Seregno e Bressanone. I componenti sono accusati a vario titolo di riciclaggio, ricettazione e associazione per delinquere dedita al furto. Gli inquirenti sono arrivati a loro dopo aver individuato un'autopompa per calcestruzzo rubata. I mezzi industriali venivano sottratti a cantieri per poi essere rivenduti con documenti falsi. Il deposito utilizzato si trovava in Brianza. Dieci  gli indagati; per sei di loro sono scattate le misure cautelari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La dea bendata bacia la Brianza: con un Gratta e Vinci porta a casa 20 mila euro

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Marito e moglie, sposati da oltre 60 anni, muoiono di covid lo stesso giorno a Monza

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento