"Mai più". I genitori di S. Albino in presidio dove morì Simone

Era il 7 novembre quando il giovane Simone Della Vella perse la vita investito da un camion: stava pedalando in bicicletta.

MONZA - La motivazione: perchè non si ripeta mai più. "Non si può morire a 19 anni cercando di attraversare in bicicletta la rotonda che collega il quartiere alla città". Per non dimenticare i genitori  di Sant'Albino hanno organizzato un presidio la mattinata di sabato primo dicembre. Il luogo è lo stesso dove ha perso la vita il giovane Simone Della Vella, 19 anni, di Brugherio: la micidiale rotonda all'angolo tra viale Stucchi e via Salvadori, l'orario dalle 10 alle 11 di mattina. "Da troppi anni i nostri figli rischiano la vita quotidianamente. Chiediamo all'amministrazione di intervenire subito" scrivono i genitori. Il comitato Sant'Albino ha anche messo online una petizione da firmare per chiedere risposte e impegni agli amministratori. L'assessore Antonio Marrazzo ha promesso nei giorni scorsi che il Comune avrebbe accelerato i tempi di realizzazione di una passerella

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento