rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
rifiuti / Triante / Via Umberto Biancamano

"Monza è talmente sporca che porto il cane in passeggiata fuori città"

La denuncia della monzese: troppi rifiuti abbandonati e cestini pieni di immondizia domestica

"C'è talmente tanta inciviltà e sporcizia in giro per la città che anche per la passeggiata quotidiana preferisco caricare il cane in auto e farmi qualche km, ma almeno camminare e farlo camminare su prati e strade pulite". La denuncia è di Barbara Zizza, referente Leidaa (lega italiana difesa ambiente e animali) di Monza e Brianza e riguarda lo stato di pulizia delle strade monzesi nel quartiere di Triante.

Rifiuti ovunque

Un problema annoso che non coinvolge solo il rione dove vive Barbara Zizza, ma anche altri quartieri dove la maleducazione di alcuni incide sul decoro delle vie. Cestini che strabordano di immondizia domestica, ma anche rifiuti ingombranti lasciati a bordo strada o nei campi. “È una situazione assurda - spiega Barbara Zizza a MonzaToday -. In via Biancamano i cestini non vengono cambiati tutti i giorni. Alcune volte hanno abbandonato non solo i sacchi rossi o quelli dell'umido, ma anche batterie delle auto e gomme di macchine o biciclette. Per non parlare dello stato di degrado delle strade utilizzate, da alcune persone che hanno alzato troppo il gomito, in vespasiano a cielo aperto". 

"Fuori Monza c'è più pulizia"

Barbara Zizza, dopo aver pulito ogni giorno l'area cani di via Adigrat, preferisce portare la sua Holly in Brianza. "Almeno le strade e i prati sono puliti. Certo gli incivili non mancano, neppure nei boschi, dove c'è gente che abbandona i resti del picnic. Ma a Monza la situazione è intollerabile. Servono maggiori controlli, maggiori passaggi da parte degli operatori dell'Impresa Sangalli. Domenica e festivi compresi. Oltre, naturalmente, all'educazione delle persone". Per Zizza il problema riguarda anche la nuova 'destinazione d'uso' di alcune aree verdi cittadine. "Per quanta riguarda Triante aree verdi e aree cani vengono usate anche come luogo di ritrovo e di bivacco. Qui, soprattutto la sera, i ragazzi si ritrovano per mangiare e per bere. Poi lasciano tutto a terra o sulle panchine". 

L'intervento del comune 

La monzese, inoltre, consiglia l'installazione di cestini chiusi. "Il problema è che spesso, vengono buttati anche i sacchi dell'umido che vengono presi di mira dalle cornacchie. Inoltre bisognerebbe installare i cestini per le deiezioni dei cani non solo nelle aree a loro destinate”. In queste settimane l'amministrazione comunale ha iniziato una battaglia contro i furbetti dei cestini. In campo le gev (guardie ecologiche volontarie) che in borghese individuano e multano le persone che gettano nei cestini i rifiuti domestici, o abbandonano rifiuti ingombranti per strada. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Monza è talmente sporca che porto il cane in passeggiata fuori città"

MonzaToday è in caricamento