rotate-mobile
Cronaca

Morsa sul gluteo da un cane "buongustaio": la frase sessista del medico che rischia il posto

La dicitura è apparsa sul referto dopo la visita di una donna in pronto soccorso. Il caso

“Morsa da un cane buongustaio”. Non una parola di meno: è questa la frase (sessista) riportata sul referto medico di una visita effettuata al pronto soccorso dell'ospedale Mandic di Merate, alle porte del Monzese. E nei guai ora è finito un medico. Nel presidio ospedaliero brianzolo, nella serata di martedì 1 agosto, si era presentata una donna di trent'anni che dopo essere stata morsa a un gluteo da un cane necessitava di una medicazione per la ferita.

L'episodio è stato confermato anche dalla l'Asst Lecco, come riportato da LeccoToday. “In qualità di Medico e di Direttore Generale, porgo le mie sentite scuse alla signora per quanto accaduto durante il suo accesso al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Merate, avvenuto nella notte del 25 luglio” ha detto il direttore generale Paolo Favini.

La direzione dell'azienda ospedaliera ha fatto sapere che, “appena venuta a conoscenza del referto rilasciato all’esito della prestazione, ha provveduto a contestarlo alla società da cui dipende il medico coinvolto e ha disposto, a titolo cautelativo, che il sanitario non effettui più alcun servizio presso il Pronto Soccorso del nosocomio meratese e che venga immediatamente rimosso dai turni già programmati e sostituito da altro professionista”: si tratta, infatti, di un medico gettonista in forza a una cooperativa.

“La direzione sta procedendo a segnalare la condotta all’Ordine dei Medici al quale il sanitario è iscritto, per le valutazioni deontologiche di competenza e si riserva, inoltre, di procedere all’eventuale applicazione delle penali previste dal contratto con la società che, in caso di iniziative in sede civile o penale derivanti dall’accaduto, sarà anche ritenuta responsabile con il professionista”, conclude l'Asst Lecco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morsa sul gluteo da un cane "buongustaio": la frase sessista del medico che rischia il posto

MonzaToday è in caricamento