Morto Andrea Sala, addio al pittore che ha dato lustro alla città

Stimato e noto pittore e affreschista, Andrea Sala ha fondato anche una scuola di affresco a Monza. In città era molto conosciuto e apprezzato. E' morto mercoledì notte nella sua casa a San Carlo

Andrea Sala ha fondato una scuola di affreschi a Monza

Schietto, estroverso e generoso. Artista di grande spessore e pittore dalle eccellenti capacità. Ma soprattutto, custode mai egoista della sua arte e bravo insegnante per i più giovani. 

E’ a lutto, Monza, per la scomparsa di Andrea Sala, il pittore affreschista fondatore della scuola di affresco cittadina morto, a sessantuno anni, nella notte di mercoledì nella sua casa nel quartiere San Carlo.

Nato nel 54 nel capoluogo brianzolo, Sala capisce fin da subito che il suo mondo sarebbe stato l’arte e, dopo la scuola Paolo Borsa, frequenta la scuola superiore d’arte del Castello Sforzesco. Diplomato col massimo dei voti, nel 1981 inizia a frequentare i lavoratori del maestro Ghino Bargatti e dell’artista Giulio Vito Musitelli, che gli consente di acquisire una più consapevole padronanza delle tecniche relative alla pittura ad olio e all'incisione. 

Sempre negli stessi anni il giovane pittore frequenta la scuola di nudo ed anatomia dell'Accademia di Brera.

Nel 1983 approda al campo professionistico, contribuendo alla fondazione di “Continuazione”, movimento che si propone di perpetuare i puri valori figurativi dell'arte pittorica.  

E’ nel 1995, però, che Andrea Sala decide di fare un grande regalo alla sua città. Con il patrocinio del Comune , il pittore apre la “scuola di affresco”, permettendo alla città di riaccostarsi ad una disciplina dimenticata per oltre trent'anni. La scuola, che ha sempre lavorato sotto la sua sapiente direzione, è attiva e vitale e gli allievi che ne escono vantano una preparazione di sicuro valore artistico.

Tante delle sue opere sono esposte in Italia e all’estero, dove è stato sempre apprezzato e stimato. 

I suoi funerali si terranno venerdì alle ore 10 nella chiesa di San Carlo. In quello che era il suo quartiere. Nella città cui ha donato lustro e arte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento