Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Tragedia in ditta, la vittima è il 28enne Antonino Capuano

Il giovane, 28 anni, abitava a Verdello. Il mortale incidente sul lavoro è avvenuto mercoledì pomeriggio alla De Lucchi di Trezzano Rosa

"Aveva la testa fracassata. Mi è morto tra le mani”. 

E' stato così che un operaio della De Lucchi ha raccontato ai sindacalisti della Cisl intervenuti il tragico incidente sul lavoro avvenuto mercoledì mattina nell'azienda che si occupa di zincatura di Trezzano Rosa dove poco dopo le 8.30 ha perso la vita Antonino Capuano, 28 anni.

Il ragazzo, residente a Verdello, lavorava da poco nella ditta di via Bologna dove sono impiegati circa 50 dipendenti e mercoledì mattina aveva appena preso servizio quando qualcosa, improvvisamente, è andato storto ed è accaduto il peggio. Una delle lastre metalliche da zincare appese a un macchinario sospeso al soffitto ha ceduto e ha colpito alla testa il giovane operaio che è caduto a terra. Per lui purtroppo non c'è stato nulla da fare: troppo gravi le ferite causate dall'impatto.

Sul posto è intervenuto il 118 che non ha potuto fare altro che constatarne il decesso, la polizia locale e i carabinieri della compagnia di Vimercate insieme ai tecnici dell'Asst. 

Oltre ai colleghi al dolore della famiglia che ha perso un figlio si è voluta unire anche la Fim Cisl che è intervenuta con una nota ufficiale in seguito all'accaduto. "Sarà la magistratura ad accertare le responsabilità su questo caso, ma non bisogna mai abbassare la guardia sul tema della sicurezza. Le misure a tutela della salute non possono essere considerate un costo su cui risparmiare. E’ inaccettabile che avvengano ancora tragedie come questa. Ci stringiamo attorno alla famiglia del giovane” ha dichiarato Andrea Ricci, operatore della Fim Cisl di Milano.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in ditta, la vittima è il 28enne Antonino Capuano

MonzaToday è in caricamento