Addio a Romeo, è morto il cigno reale del laghetto del Parco di Monza

Dopo l'ennesimo ricovero a causa delle sue cattive condizioni di salute Romeo è morto

Chiunque abbia passeggiato almeno una volta in riva al laghetto dei Giardini della Villa Reale si ricorderà di Romeo, l’elegante cigno che fino a poco tempo fa popolava quell’angolo incantato del Parco. Purtroppo Romeo, dopo l’ennesimo periodo di malessere e l'ultimo ricovero, è morto.

“La triste notizia segnala la fine di un'epoca. Il cigno era un punto di riferimento per tutti i monzesi e i brianzoli abituati a passeggiare nei giardini della Villa Reale, all'interno del Parco di Monza. Romeo, classe 2003, da quando il destino lo aveva separato dalla sua Giulietta, la compagna di una vita morta alcuni anni fa, non ha voluto saperne di condividere lo specchio d'acqua con altri esemplari della sua specie, preferendo la compagnia di un maschio di anatra muta bianca e nera” ricordano dall’Enpa. Il cigno si è spento a fine aprile quando l’animale era stato recuperato dagli operatori del Consorzio del Parco della Villa Reale e del Parco di Monza e portato subito al Centro di Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Vanzago.

Purtroppo per lui però, questa volta, il personale non ha potuto fare molto e, dopo il suo ricovero, Romeo è morto. Anche se Romeo resterà nel cuore dei tanti bambini che aspettavano di vederlo nuotare nell’acque e dei visitatori del Parco il laghetto non resterà a lungo senza una candida presenza: il Consorzio, infatti, a breve una giovane coppia di cigni selvatici (Cygnus cygnus), molto simili al cigno reale, il cui arrivo è previsto per l'inizio dell'estate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento