Dramma nella stazione di Giussano, ragazzo di 16 anni investito da un treno: morto sul colpo

L'incidente verso le 16 di domenica pomeriggio. Il giovane era uscito poco prima di casa

Il luogo del dramma - Foto © Bennati

Aveva detto ai genitori che sarebbe uscito a fare una passeggiata con gli amici e che sarebbe tornato poco dopo. Invece, a casa non lo hanno mai più visto. Un ragazzino di sedici anni, italiano, è morto domenica pomeriggio dopo essere stato investito da un treno. 

Il dramma, avvenuto pochi minuti prima delle 16, si è consumato nella stazione di Carugo-Giussano, tra le province di Como e Monza. Il sedicenne, stando a quanto si apprende, è stato travolto da un treno proprio all'ingresso dello scalo ferroviario e per lui non c'è stato nulla da fare. I soccorritori del 118, intervenuti sul posto con un'ambulanza e un'auto medica, infatti non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. 

In stazione, poco dopo, sono arrivati anche la mamma e il padre della vittima. Proprio loro ai carabinieri hanno raccontato che il figlio li aveva salutati dicendo che sarebbe uscito a fare due passi e che sarebbe tornato subito. Stando ai primi accertamenti dei militari - ma le indagini sono ancora in corso - non è escluso che si sia trattato di un gesto volontario. 

Per permettere i rilievi delle forze dell'ordine e l'intervento dei soccorritori, i treni sulla linea Asso-Seveso-Milano sono rimasti a lungo fermi. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Monza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento