Tragedia in montagna: morto alpinista 32enne di Limbiate

Scivolato sulla neve, è precipitato per diversi metri. Per lui nulla da fare, nonostante l'arrivo del soccorso alpino in elicottero. Il dramma in Val Formazza (Verbania)

Il Lago dei Sabbioni in Val Formazza (Panoramio)

Un alpinista di 32 anni di Limbiate, Graziano Antonacci, è morto il 27 giugno in Val Formazza mentre era impegnato in una escursione al Pizzo dei Camosci (3.150 metri), che segna il confine tra il Piemonte e il Canton Vallese in Svizzera.

Il giovane è scivolato sulla neve ed è precipitato per diversi metri quando si trovava nei pressi del Lago dei Sabbioni. Precipitando ha battuto violentemente la testa contro un masso.

Un altro componente della cordata ha lanciato l'allarme. Il primo a raggiungere il gruppo è stato il gestore del rifugio Città di Busto. Poi il soccorso alpino in elicottero, ma il medico non ha potuto far nulla per salvare la vita al 32enne, che era già deceduto. La salma è stata trasportata all'obitorio di Domodossola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento