E' morto Emiliano Mondonico, aveva giocato anche nel Monza

Il "Mondo", che da tempo combatteva contro un tumore, è morto giovedì mattina a Milano

Emiliano Mondonico - Foto Ansa

Ha lottato a lungo. Ha combattuto come quando a bordo campo alzava la sedia verso il cielo per denunciare le ingiustizie e i torti. Ma alla fine ha dovuto arrendersi.

Emiliano Mondonico - settantuno anni, ex calciatore che vestì anche la maglia del Monza e allenatore di serie A - è morto giovedì mattina a Milano. Il "Mondo", questo il nome che lo aveva reso celebre, combatteva da tempo contro un tumore, che era riuscito a sconfiggere una prima volta sette anni fa dopo una delicatissima operazione.

Qualche mese fa, in un'intervista al Corriere dello Sport, aveva ammesso: “Ci sono trenta probabilità su cento che la Bestia ritorni". Poi, però, era tornato il Mondonico di sempre e aveva preso lui in mano le redini del gioco: "Ma, credimi - aveva detto - dopo quattro operazioni, l’asportazione di una massa tumorale di sei chili, di un rene, di un pezzo di colon e di intestino, sei pronto a tutto. E, ogni giorno di più, apprezzi il tempo che ti è dato. Il cancro non è invincibile, il calcio mi dà la forza per continuare a sfidarlo”.

E Mondonico il cancro lo ha sfidato a viso aperto. D'altronde lui è sempre stato - in campo prima e in panchina poi - un uomo abituato alle sfide. Con la maglia da calciatore addosso ha giocato con la sua Cremonese, con il Monza, l'Atalanta e il Torino. E da allenatore ha fatto più o meno lo stesso percorso, come a voler restituire a quelle città quello che aveva preso: promozione in A con la Cremonese, una semifinale di coppa delle Coppe con l'Atalanta, una bella stagione alla Fiorentina - che aveva riportato in serie A - e poi la mitica esperienza con il Torino, fermato in finale di coppa Uefa dall'Ajax di Van Gaal e da un arbitro, proprio quello contro cui il "Mondo" aveva alzato l'ormai famosissima sedia. 

mondonico sedia-2

Dopo erano arrivate le esperienze con Napoli, Cosenza, Albinoleffe, Cremonese - di nuovo - e il Novara. Neanche la prima operazione lo aveva fermato e otto giorni dopo l'intervento era tornato a sedersi sulla panchina proprio dell'Albinoleffe, l'ultima sua grande famiglia del calcio, prima di passare in tv con un ruolo da commentatore tecnico e di diventare testimonial del Csi e allenatore dei ragazzi di Rivolta d'Adda, la sua città.

A piangerlo adesso è tutto il mondo dello sport e la sua vera famiglia: Carla, compagna di una vita, e le figlie Francesca e Clara. Proprio lei, alle 8.23 di un triste giovedì mattina, ha dato l'annuncio del dramma dalla pagina Facebook del padre: "Ciao papà, sei stato il nostro esempio e la nostra forza... ora cercheremo di continuare come ci hai insegnato tu. Eternamente tua".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cordoglio del Monza

"Dopo una lunga malattia è venuto a mancare Emiliano Mondonico, allenatore ed ex giocatore che, nei primi anni '70, ha vestito la maglia biancorossa del Monza. Negli ultimi tempi Mondonico è stato testimonial del CSI, con il quale predicava i veri valori della vita da riportare nello sport e nel calcio. In questa veste, due anni fa, aveva anche incontrato la squadra biancorossa e i giocatori avevano potuto apprezzare l'allenatore e soprattutto l'uomo. Il Presidente Nicola Colombo e tutto il Monza 1912 si uniscono al cordoglio della famiglia e di tutto il mondo del calcio, il quale non dimenticherà mai le gesta sportive e la profonda umanità di Emiliano Mondonico" hanno reso noto dalla società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento