Si tuffa nel fiume e non riemerge più: non ce l'ha fatta il giovane salvato dai soccorsi

I sommozzatori lo avevano portato in salvo dalle correnti dell'Adda che lo avevano trascinato a chilometri dal punto in cui si era tuffato ma il ragazzo è morto lunedì mattina

I soccorsi a Cassano d'Adda (B&V Photographers per MonzaToday)

Ha lottato fino all'ultimo tra la vita e la morte e insieme a lui si erano aggrappati alla speranza di poterlo riabbracciare anche gli amici della comunità dove da diverso tempo il giovane viveva nel milanese. 

Purtroppo però il ragazzo che domenica pomeriggio si è tuffato nelle acque del fiume Adda a Cassano non ce l'ha fatta ed è morto in ospedale al San Raffaele di Milano lunedì mattina dopo che i medici hanno tentato di tutto per salvargli la vita. Le condizioni del giovane, recuperato dai soccorsi in condizioni disperate tra le correnti del fiume all'altezza della frazione di Cascina Cesarina, erano davvero critiche e il trentenne è stato trasportato in codice rosso d'urgenza all'ospedale San Raffaele di Milano dove lunedì mattina è deceduto, come confermato dai carabinieri del comando provinciale di Milano.

Il ragazzo intorno alle 13.30 si era tuffato in acqua insieme ad alcuni amici che, di fronte alla violenza delle correnti, hanno preferito fare marcia indietro e hanno pensato di non proseguire. Quando i compagni hanno alzato la testa dall'acqua però non hanno più visto l'amico riemergere e hanno immediatamente dato l'allarme. Alcuni bagnanti presenti sulle sponde dell'Adda domenica pomeriggio si sono tuffati per prestare soccorso al giovane e cercarlo nel caso in cui fosse rimasto incastrato sul fondo ma del trentenne nell'acqua non c'era già più traccia. 

Poco dopo è partita la richiesta di aiuto al 118 che ha inviato sul posto l'elisoccorso insieme ad alcune ambulanze, i vigili del fuoco, i carabinieri e la polizia locale. I sommozzatori hanno fatto partire immediatamente le ricerche che si sono concluse solo dopo un paio d'ore a chilometri di distanza da dove il giovane si era tuffato ed era stato trascinato dalle correnti. 

GUARDA IL VIDEO

Il ragazzo, di origine romena, era ospite di una comunità di recupero per detenuti e da qualche tempo, nonostante avesse da tempo finito di scontare la sua pena, continuava a vivere insieme ai giovani che considerava la sua famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento