Scavalca e viene travolto dal treno: morto Alessio, papà di un bimbo di nove mesi

Lascia una moglie e un figlio piccolo. Il dramma

Immagine di repertorio

Non ce l’ha fatta Alessio Rizzato, il trentanovenne di Albiate che era stato investito l’11 luglio scorso da un treno nella stazione di Canegrate. L’uomo, ricoverato in condizioni gravissime da quella tragica mattina, si è spento lunedì, quando i medici non hanno potuto far altro che constatare il suo decesso. 

L’11 mattina, stando a quanto ricostruito dalla Polfer, il trentanovenne - che da un anno viveva a San Vittore Olona - era arrivato in macchina nei pressi della stazione e, probabilmente per risparmiare tempo, aveva scavalcato la recinzione di via Volontari della Libertà senza usare il sottopasso. A quel punto, l’impatto con il convoglio in arrivo - un treno Trenord Milano-Domodossola - era stato inevitabile. 

Alessio era riuscito a resistere al primo, violentissimo, impatto, ma dopo giorno di agonia per lui non c’è stato più nulla da fare. Molto conosciuto ad Albiate, con un passato nella locale squadra di calcio, la vittima lascia una moglie e un bimbo di nove mesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento