Cade da un albero mentre lavora nel giardino della villa di Berlusconi, morto 29enne

Il giovane, che lavorava nel parco per conto di una ditta esterna, è stato trasferito in elisoccorso all'ospedale San Raffaele di Milano dove è deceduto nella giornata di lunedì

Non ce l'ha fatta Marco Pastore, il giardiniere 29enne precipitato da un albero mentre stava lavorando nel parco di Villa Gernetto per conto di una ditta esterna che si occupa di manutenzione e giardinaggio.

La vittima del grave incidente sul lavoro avvenuto nella mattinata di lunedì a Lesmo, nella dimora di via Casati, di proprietà di Silvio Berlusconi, è un 29enne residente a Bernareggio, titolare di un'attività del settore che lavorava per conto della ditta esterna che gestiva il servizio. 

Tutto è accaduto pochi minuti dopo le 9.30 quando il giovane, mentre stava potando l'albero insieme al fratello è caduto al suolo dopo essere salito sulla pianta. Violentissimo l'impatto contro il terreno dove il 29enne ha sbattuo la spalla sinistra. Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118 con l'elisoccorso, inviato da Bergamo e un'ambulanza in codice rosso. 

La vittima è stata trasferita d'urgenza in arresto cardiocircolatorio in ospedale al San Raffaele e qui nel corso della giornata il  29enne è deceduto. Sul posto, per i rilievi necessari a ricostruire la dinamica dell'incidente e per raccogliere le testimonianze dei presenti, sono intervenuti gli agenti della polizia locale di Usmate Velate a cui poi si sono affiancati i tecnici dell'Asl. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento