Cronaca

Movida scatenata: in 200 in piazza lanciano bottiglie di vetro contro le forze dell'ordine

Il fatto è accaduto a Cesano Maderno

Foto di repertorio

Lanci di bottiglie di vetro contro le forze dell’ordine: oltre duecento ragazzi in piazza a bere e ad ascoltare musica a tutto volume in barba all’ordinanza del sindaco che vieta il consumo di bevande alcoliche in alcune strade della città; due persone fermate e un carabiniere nel tentativo di fermare gli autori è caduto procurandosi diverse escoriazioni.

Questo il bilancio di una serata di ordinaria movida a Cesano Maderno. Il fatto è accaduto giovedì 24 giugno.

Le forze dell’ordine (15 carabinieri, 3 agenti della polizia locale e 2 della polizia provinciale) erano impegnate in un servizio coordinato. Intorno alle 23.30 si sono dirette in piazza Facchetti dove erano radunate circa 200 persone, quasi tutti minori, intente a bere e ad ascoltare musica ad alto volume.

Alla vista dei militari e degli agenti alcuni giovani hanno iniziato a lanciare bottiglie di vetro contro le forze dell’ordine per poi dileguarsi velocemente. Nel tentativo di fermare gli autori, un carabiniere è caduto riportando diverse escoriazioni. Due persone sono state fermate: una è stata identificata dai militari e rilasciata perché non coinvolta, l’altra è stata accompagnata alla Tenenza cittadina. La situazione poi è tornata sotto controllo. I militari hanno controllato 60 persone, 31 mezzi, sono state staccate 12 infrazioni al codice della strada e tre sanzioni covid. 

Ma il problema della mala movida e del consumo di alcol da parte dei minorenni nelle piazze di Cesano Maderno resta.

"Siamo di fronte ad un grave e diffuso problema sociale ed educativo, che ha conseguenze pesanti sull’ordine pubblico – si legge nel post sulla pagina Facebook del Comune di Cesano maderno –. La situazione rimane delicata, ma la città è presidiata e i controlli sono costanti. L’Amministrazione c’è e ha al suo fianco la Polizia Locale, la Polizia Provinciale e i Carabininieri, che ringrazia per lo straordinario impegno, svolto con equilibrio e senso di responsabilità anche nei momenti più concitati”.

Le forze dell’ordine sono impegnate nei controlli delle strade e delle piazze che sono al centro di situazioni di assembramenti e di atti di vandalismo, spesso a causa del consumo di alcol anche da parte dei più giovani. Un fenomeno che ha portato il sindaco Maurilio Longhin, in accordo con la Prefettura di Monza e le forze dell'ordine, ad emettere un’ordinanza specifica che vieta il consumo di bevande alcoliche in alcuni luoghi della città teatro di scorribande notturne.

Nessuna limitazione per i locali: i clienti possono consumare tranquillamente le bevande alcoliche all’interno di bar, ristoranti e pub.

“L'ordinanza è uno strumento che permette alle forze dell'ordine di intervenire con sanzioni per meglio contrastare e arginare l'abuso di alcol e di sostanze soprattutto da parte di giovanissimi nei luoghi pubblici o di uso pubblico che spesso diventano teatro di vandalismi e molestie alla quiete pubblica – precisano dal Comune – I controlli e i numerosi sacchetti abbandonati sul posto dimostrano che spesso queste persone si riforniscono di bottiglie di alcolici nei supermercati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida scatenata: in 200 in piazza lanciano bottiglie di vetro contro le forze dell'ordine

MonzaToday è in caricamento