Cronaca Muggiò

Storia di Riccardo, poeta metropolitano tra parole e call center

Le storie di Monza Today - Riccardo è un giovane artista di Muggiò. L'arte? La sua passione. Ma la vita è un'altra storia, e per vivere lavora sodo. In un call center

MUGGIO' - La strada per Vimodrone dura un'ora e mezza. A volte  piove, d'inverno può capitare che nevichi. D'estate c'è il sole, ma gli alberi in fiore non ci sono. Normale, se l'autobus serpenteggia per le strade che vanno fino a Cinisello. A Sesto c'è il metrò,  poi  Milano.

Ci sono però le persone. Ognuna una storia, uno sguardo. Un  vissuto, che cogli dall'occhio, da un dettaglio. Immaginare, ricostruire, osservare. Così a Riccardo passa quell'ora e mezza. Poi Loreto, altro metrò,  e il solito call center.

Riccardo è un poeta, un poeta metropolitano. Di quelli che non hanno davanti paesaggi bucolici, suggestioni di colli o scogliere a strapiombo,  ma vivono di momenti in bianco e nero. Senza grilli per la testa, con la normalità di un qualunque abitante della megalopoli, si aggira per il mondo in cerca della sua occasione, e di uno spunto. Intanto lavora sodo. Il mito bohémienne dell'artista maledetto se lo lascia alle spalle quando chiude la porta di casa  e si confronta con il traffico della città, il freddo, il capoufficio o la busta paga alla fine del mese. Il telefono squilla, il telefono chiama, e quegli attimi sono sottratti all'arte. Ma sono vitali quanto l'arte, e lui lo sa.

Ha fatto il fotografo, per cinque anni teatro, è approdato alla scrittura, anche se le parole dalla penna hanno cominciato a uscire da tanto. E' solo questione di trovare la propria strada. Lui ha provato a ingegnarsi, a vendere la sua arte componendo su commissione. Clienti? Una ragazza, poco più che adolescente,  che gli ha richiesto un'ode senza essersi  mostrata nemmeno una volta. Valli a capire, i giovani d'oggi.

Si dice che negli anni '50 l'Olivetti abbia dato all'Italia più intellettuali di qualunque altra istituzione o università: gli scrittori finivano tutti lì, in attesa di gloria che sarebbe in molti casi arrivata tardi. Noi a Riccardo auguriamo di fare in fretta. Il posto dell'Olivetti, intanto, lo hanno preso i call center.

Proponiamo qui sotto  una poesia di Riccardo De Benedetti

 

 

UN VOLTO

E' come un lampo questo gioco di sguardi

ritrovati e persi ogni mattina sull'autobus:

salgo e cerco da due mesi un volto

il tuo

dove la mano è straniera

e le carezze rifugiate politiche.

 

Amore a prima vista e a piccoli passi

per crollare un po' alla volta e per sempre lì

nei tuoi occhi pakistani o sui contorni d' henné.

 

Ma le nostri origini sono nemiche

in quella mezz'ora in cui non parlano

ed io crollo per te come una torre sventrata

o sogno da un mese di scoprirti il viso.

 

Ma tu non mi concedi di sederti accanto

così incrocio il tuo profilo nei momenti morti:

le mani da un guanto sguaiato

i capelli da una ciocca ribelle

il sorriso dalle ciglia corte.

 

Il tuo hijab me lo sento addosso io

come una camicia di forza che mi stringe a te

che un giorno sposerai un ragazzo della tua origine

con cui a Milano pregherai Allah per la felicità.

 

Io resterò solo, e un giorno o l'altro

perderò questo piccolo gioco

questa missione di guardarti e non toccarti

o di proteggerti con il mio amore

finché un imam non ci separi.

 

(Riccardo De Benedetti)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storia di Riccardo, poeta metropolitano tra parole e call center

MonzaToday è in caricamento