menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ombra della 'ndrangheta nel bar della Provincia: l'esposto in Procura e le indagini

Dalla provincia fanno sapere che l'ente ha fornito già un mese fa gli atti utili allo sviluppo delle indagini in corso

Un esposto in Procura e indagini in corso. Nel mirino degli investigatori è fnita la società Cooperativa Sociale Mar Multiservizi che nel 2015 ha ottenuto in concessione e gestione lo spazio bar presso la sede di via Grigna 13.

Alla guida del bar gestito dalla società che si occupa del servizio di ristorazione all'interno della sede del palazzo istituzionale e del rifornimento dei distributori automatici, secondo quanto reso noto dal quotidiano Il Giorno, ci sarebbe S.S., moglie di Candeloro Pio, finito in manette con l'inchiesta Infinito del 2010 con una condanna a vent'anni. 

Oltre alla figura della donna a gettare sospetti sull'attività della cooperativa all'interno del bar della Provincia, secondo quanto contenuto negli esposti citati da Il Giorno, è anche un altro soggetto con un passato segnato da guai con la giustizia. A questa figura competerebbero tra l'altro le mansioni di rappresentanza, con la gestione dei rapporti tra la Cooperativa e la Provincia e la gestione degli inserimenti lavorativi. 

Sulla vicenda è voluto intervenire con una precisazione lo stesso ente di via Grigna: "La Provincia precisa che il contratto è stato stipulato il 3/3/2015 con il legale rappresentante della Cooperativa stessa, Signora Paola Oliva Leonelli. Ciò a seguito di regolare procedura selettiva destinata a cooperative sociali di tipo B, iscritte all’albo regionale, per favorire l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, tra cui disabili e soggetti in carico ai servizi sociali".

"La società, con sede a Varese, ha superato i controlli ex-lege previsti dalla procedura di gara, e risulta oggi affidataria – tra l’altro - di analoghi servizi di ristorazione anche per altri enti pubblici a Brescia e a Mantova" si legge nella nota.

La Provincia ha inoltre precisato "di aver fornito agli inquirenti già un mese fa gli atti utili allo sviluppo delle indagini in corso". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento