Funziona il "piano neve" di Monza? Su Facebook la protesta

Ogni volta che c'è una emergenza come una nevicata, gli interventi predisposti non sembrano mai sufficienti. E su Facebook il comune di Monza è "preso d'assalto" da cittadini arrabbiati

Piazza Trento e Trieste alle 17:15 di oggi

I mezzi spargisale del comune di Monza hanno fatto un lavoraccio stanotte, ma come abbiamo già scritto non è parso sufficiente. Se a onor del vero alcune grandi arterie cittadine erano pulite fin dal mattino, la stessa cosa non si poteva dire per diverse altre strade e soprattutto per i quartieri periferici. Altra storia, poi, le strade di provincia, che non sono di competenza del comune, su cui il traffico dell'ora di punta ha fatto il resto: code e rallentamenti fuori dalla norma quasi ovunque.

Dal comune si difendono sui marciapiedi, la cui pulizia è di pertinenza dei privati. Ma un gruppo di cittadini si arrabbia comunque. E lo fa su Facebook.
Ecco il (laconico ma formalmente corretto) messaggio che il comune ha scritto sul social network: “Ricordiamo che la pulizia dei marciapiedi e degli spazi antistanti ad attività commerciali e abitazioni deve essere fatta dai privati. Lo stesso vale per le scuole, che il Comune ha rifornito con largo anticipo di sacchi di sale e badili”.

Di fatto però, secondo i commenti di alcuni utenti di Facebook, sembra che laddove il passaggio pedonale non sia di pertinenza di alcun privato, non ci abbia pensato nessuno. Così una donna: "Via Marsala: marciapiede lungo il muro di cinta della scuola Puecher, marciapiede lungo il muro di cinta della chiesa San Carlo, marciapiede che porta alla scuola Dante. Corso Milano: marciapiede antistante banca San Paolo e Poste italiane". Ma non basta: alcuni ricordano la totale assenza di interventi in alcune strade della città.

Una utente usa l'ironia: "Capisco che non sia facile però vorrei ricordare che esistiamo anche noi di San Fruttuoso". E un'altra: "In via Medici, dove non abbiamo neanche i marciapiedi (sigh) si cammina in mezzo alla strada". A tutti il comune cerca di rispondere chiedendo comprensione ("256 km di strade, impossibile farle bene tutte") e sottolineando che le operazioni sui marciapiedi sono cominciate da questa mattina. E ricorda che il comune aveva fornito tutte le scuole di badili e sacchi di sale.

Ma c'è anche chi, tutto sommato, non si lamenta. Come una ragazza, che scrive: "Se penso all'ultima volta direi che stavolta le cose sono nettamente migliori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento