Morti sospette in ospedale, arrestati anestesista e infermiera

L'indagine ha coinvolto l'ospedale di Saronno per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2013

Laura Taroni e Leonardo Cazzaniga (Foto da Facebook)

Sessant'anni lui e quaranta lei. Colleghi sul lavoro e amanti nella vita tanto da essere arrivati, secondo l'accusa di omicidio volontario che pesa su di loro, ad uccidere con dosaggi elevati di farmaci il marito della donna e altri quattro pazienti tra il febbraio 2012 e il 2013 tra le corsie del Pronto Soccorso dell'ospedale di Saronno.

Il medico anestesista Leonardo Cazzaniga e l'infermiera Laura Taroni sono stati arrestati dai carabinieri di Saronno in esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare con l'accusa di omicidio.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Busto Arsizio e riguardano almeno quattro casi di morti sospette avvenute in corsia nell'ospedale di Saronno ai danni di pazienti anziani e malati ricoverati in Pronto Soccorso. Il medico arrestato, un anestesista, è accusato di aver provocato i decessi mentre la donna, amante del professionista, è ritenuta responsabile di omicidio volontario nei confronti del marito, avvenuta secondo gli inquirenti in compicità con il dottore. Per entrambi l'accusa è di omicidio volontario.

All'uomo la donna avrebbe somministrato per lungo tempo, fino al decesso, farmaci incongrui con la cura. L'indagine fa riferimento a fatti avvenuti tra il febbraio 2012 e l'aprile del 2013 nel Pronto Soccorso dell'ospedale di piazzale Borella nel Varesotto. In seguito l'anestesista e l'infermiera sono stati trasferiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle vittime, tutte persone anziane e malate, sarebbero stati somministrati dosaggi elevati per via endovenosa di farmaci letali quali morfina, propofol e promaziona. Le indagini del Nucleo operativo dei carabinieri di Saronno sono partite dopo la denuncia di una infermiera avvenuta nel giugno del 2014.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Milano, va a trovare il papà in ospedale ma trova il letto vuoto: "Suo padre è morto da ieri"

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Maxi blitz della polizia ai giardinetti e un elicottero in volo sopra Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento