Uomo nudo semina il panico e aggredisce i vigili: "Siete diavoli e nemici del Marocco"

L'uomo è stato bloccato e portato in ospedale. Sarà denunciato per danneggiamento

Foto repertorio

Era convinto che quelli di fronte a lui fossero "diavoli". Così, in un delirio mistico, ha afferrato due bottiglie di birra per minacciarli e ha continuato a sputare contro di loro. Il tutto dopo aver colpito a calci e pugni diverse auto in sosta. 

Protagonista di un pomeriggio decisamente folle è stato un uomo di trentasei anni, cittadino marocchino, che mercoledì pomeriggio ha dato in escandescenze in via dei Mille a Monza, in pieno centro città. 

L'allarme è scattato alle 14, quando diversi passanti hanno segnalato la presenza dell'uomo che danneggiava le macchine parcheggiate. Alla vista dei vigili, il 36enne si è denudato, ha afferrato due bottiglie di vetro e ha iniziato a sputare contro gli agenti accusandoli di essere "diavoli" e "nemici del Marocco".

Poco dopo, ormai senza controllo, ha cominciato a sbattere la testa contro l'asfalto e a quel punto i ghisa hanno deciso di bloccarlo con le manette e con il cuscino contenitivo, coprendogli anche la bocca con una mascherina sanitaria per "difendersi" dagli sputi. 

Una volta immobilizzato, il 36enne è stato caricato in ambulanza - non senza fatica - e portato all'ospedale San Gerardo, dove è stato visitato e curato. 

L'uomo, irregolare in Italia, sarà denunciato per danneggiamento e per violazione della normativa sull'immigrazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in azienda a Lecco, muore un ragazzo di 27 anni di Arcore

  • Tragedia all'alba alle porte di Monza, uomo precipita nel vuoto dall'ottavo piano e muore

  • Lentate sul Seveso, bimbo muore per un tumore al cervello a soli sette anni

  • Sbaglia una manovra, si ribalta con l'aereo mentre atterra in ditta: 81enne illeso

  • Le 5 migliori osterie in provincia di Monza e Brianza

  • Auto si ribalta in Valassina, soccorsi tre ragazzi: l'incidente nella notte a Carate Brianza

Torna su
MonzaToday è in caricamento