Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Melissa supera la fobia del mare aperto per realizzare il sogno del fratello cieco

Una storia di amore e di generosità quella di Melissa e Leo, due giovani nuotatori brianzoli

Leo e Melissa sulla spiaggia a Cesenatico

Ha superato la sua paura di nuotare in acque aperte per realizzare il sogno del fratello non vedente di gareggiare in una competizione nel cuore dell’Adriatico.

Una storia carica di generosità, ma anche di amore per lo sport e di sacrificio, quella che vede come protagonisti due fratelli brianzoli che domenica 25 luglio hanno fatto il “battesimo” del mare partecipando a una gara con la maglia dell’associazione Silvia Tremolada.

Il terrore di Melissa di nuotare nel mare

Protagonisti i fratelli Santinelli. Lei Melissa, 13 anni, nuotatrice agonistica nella squadra Team Lombardia. Lui Leo, 11 anni, cieco dalla nascita che gareggia per la Silvia Tremolada. Domenica Leo e Melissa hanno gareggiato insieme (lei come nuotatore guida) in una gara ad acque libere nel mare di Cesenatico.

A raccontare commossa questa storia di amore tra fratelli è la mamma Anna, orgogliosa di Leo che nell’ultimo anno ha raggiunto importanti risultati, e di Melissa che, da sempre terrorizzata all’idea di nuotare in acque libere, ha superato la paura per il bene di Leo.

"Si sono preparati con grande impegno"

“Nelle gare in acque libere il nuotatore cieco o ipovedente ha bisogno di un nuotatore guida - spiega Anna - Melissa si è subito messa a disposizione: pratica nuoto a livello agonistico e non ci sono stati problemi. Ci siamo stupiti: lei, come molti nuotatori  abituati alle vasche della piscina, ha paura a nuotare nel mare. Ma visto il grande desiderio di Leo ha deciso di superare questa fobia”.

Melissa è arrivata preparatissima alla gara. “Ha preso questo incarico con serietà ed impegno - continua la mamma - Terminati gli allenamenti con la sua squadra, correva subito in piscina dal fratello per continuare con lui la preparazione. Senza mai un attimo di cedimento fisico e psicologico”. Tutta la famiglia ha partecipato all’impresa, cercando l’attrezzatura migliore con cui legare Leo e Melissa in acqua.

"Risultato straordinario, malgrado le meduse"

“Abbiamo fatto diversi tentativi - prosegue Anna - In merito al nuoto in acque libere per non vedenti non abbiamo trovato notizie. Alla fine abbiamo usato una particolare corda che Melissa e Leo hanno legato alle gambe".

"Vederli nuotare insieme a mare aperto è stato fantastico - conclude - Hanno ottenuto un buon risultato: 800 metri in 16 minuti, malgrado la presenza delle meduse. Leo ha realizzato il suo sogno e ha voluto al fianco sua sorella aiutandola a superare la sua paura. Adesso continueranno a gareggiare insieme”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Melissa supera la fobia del mare aperto per realizzare il sogno del fratello cieco

MonzaToday è in caricamento