Muggiò, uccide il figlio col pestacarne: poco prima aveva fatto un incidente con la sua auto

La tragedia domenica mattina. Morto Gianluca Colleoni, arrestato il padre Mario

I carabinieri fuori dalla villetta (foto B&V Photographers)

Poche ore prima avrebbe avuto un incidente, danneggiando l’auto del padre dopo una nottata passata per locali. Sarebbe stata questa la causa che ha scatenato l’ennesima lite tra Mario Colleoni, l’agente di commercio di 72 anni che domenica poco prima di mezzogiorno, a Muggiò, ha ucciso il figlio Gianluca, 48 anni, separato e padre di un bambino di 8 anni, a colpi di batticarne. 

È stato l’anziano stesso a confessare ai carabinieri di avere ucciso il figlio. L’omicidio è stato l'epilogo di anni di tensione tra i due. Tensioni causate soprattutto dallo stile di vita del figlio, quasi 50enne, con un trascorso burrascoso fatto di alcool e stupefacenti. In questo modo aveva dilapidato una buona parte dei risparmi della famiglia. Il quartiere dove sorge la villetta di via Modigliani 10, alla periferia di Muggiò dove è successa la tragedia, ora è sconvolto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ultima lite è esplosa alle 11.30 di domenica. Tra padre e figlio è scoppiato l’ennesimo litigio. Dopo una colluttazione, il padre avrebbe preso il primo attrezzo che è capitato tra le mani, un batticarne, e avrebbe colpito più volte, alla testa, il figlio. Quest’ultimo è stramazzato al pavimento, insanguinato. E’ stato lo stesso Colleoni a chiamare i carabinieri: “Venite, ho ucciso mio figlio”. I militari hanno trovato il corpo senza vita di Gianluca Colleoni. Il padre lo aveva coperto con un telo bianco: sul viso, un piccolo lenzuolo. Un gesto tardivo di sollecitudine, per un figlio mille volte aiutato. Ora il padre si trova nel carcere di Monza. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento