Omicidio a Cinisello Balsamo: identificato il ragazzo ucciso con una coltellata al collo

Si tratterebbe di un cittadino marocchino di 29 anni con alcuni precedenti. Si indaga

La via chiusa per i rilievi Foto di Giovanni C.

È stato ucciso con una coltellata. Un fendente alla gola dall'alto verso il basso che gli ha causato la perforazione di un polmone. È morto così il 29enne accoltellato nella notte tra domenica e lunedì 12 marzo in viale dei Partigiani a Cinisello Balsamo. È quanto emerso dall'autopsia effettuata nella giornata di martedì.

E l'arma del delitto, secondo quanto riferito dai militari, sarebbe un coltello con una lama di 20 centimetri, rinvenuto dai carabinieri della compagnia di Sesto in un cespuglio a 150 metri dal luogo dell'omicidio. Gli inquirenti lo hanno trovato lunedì mattina mentre stavano battendo palmo a palmo la zona; sulla lama c’erano tracce ematiche che ora dovranno essere comparate con quelle della vittima.

Nel frattempo procedono le indagini: gli investigatori, coordinati con il procuratore Vincenzo Fiorillo della procura di Monza, stanno acquisendo tutte le immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso della zona alla ricerca del killer. Per il momento tutte le piste restano aperte. La vittima sarebbe stata identificata: sarebbe un cittadino marocchino di 29 anni, senza fissa dimora e con alcuni reati legati all'immigrazione e stupefacenti. Il condizionale è d'obbligo perché — fanno sapere i carabinieri — l'identificazione è avvenuta attraverso le impronte digitali, impronte che nel sistema delle forze dell'ordine sono associate a più identità: alias che il 29enne avrebbe fornito durante precedenti controlli.

L'omicidio

Tutto è avvenuto intorno alle 23.50 di domenica quando l'uomo è stato trovato a terra in un parchetto di viale Partigiani all'incrocio con viale Lombardia, nel quartiere popolare di Crocetta. A lanciare l'allarme alcuni passanti che avevano subito allertato il 118. Soccorso dai sanitari era stato accompagnato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Monza, dove è spirato poche ore dopo. In un primo momento non era chiaro se fosse stato colpito da una coltellata o da un proiettile di arma da fuoco: i soccorritori gli avevano praticato una tracheotomia per permettergli di respirare proprio vicino alla ferita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento