rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Cogliate

Uccide il compagno a martellate perché sospettava abusasse dei suoi figli: assolta

Il fatto era accaduto a Cogliate. Secondo il tribunale era incapace di intendere e volere

È stata assolta dall'accusa di omicidio volontario per infermità mentale Sabrina Amico, la 38enne che sabato 25 novembre 2017, nella loro abitazione di Cogliate, uccise a martellate il compagno Marco Benzi mentre dormiva sul divano in salotto. La donna, tuttavia, dovrà restare per 10 anni in casa di cura psichiatrica come misura di sicurezza. È la sentenza inflitta nella giornata di martedì 2 ottobre dal gup del tribunale di Monza Federica Centonze al termine del processo con rito abbreviato.

Cogliate, uccide l'ex compagno a martellate

La donna, come emerso dalla perizia psichiatrica disposta dal pm della procura di Monza Alessandro Pepe, era incapace di intendere e di volere al momento dell'omicidio, messo in atto perché sospettava che il compagno abusasse sessualmente dei suoi figli e tenesse comportamenti ambigui con i loro animali domestici. Durante il processo si era costituito parte civile il fratello della vittima, che con l'assoluzione per infermità mentale non avrà alcun risarcimento. 

Video: le testimonianze dei vicini

L'omicidio

Tutto era accaduto intorno alle 12.30 di sabato 25 novembre 2017 quando la donna aveva colpito Marco Benzi con una martellata in testa mentre stava dormendo.

A scoprire il corpo era stato l'ex marito di Sabrina Amico: dopo uno scambio di messaggi con la donna si era accorto che qualcosa non andava e si era precipitato nell'appartamento dove si era trovato davanti la macabra scena. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide il compagno a martellate perché sospettava abusasse dei suoi figli: assolta

MonzaToday è in caricamento