Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca San Gerardo / Via Giambattista Pergolesi, 33

Graziano non riesce a parlare: slitta l'interrogatorio al papà che ha ucciso i suoi bambini

Il Gip avrebbe dovuto interrogare l'uomo lunedì pomeriggio ma le sue condizioni di salute non lo hanno permesso

Michele Graziano, l’uomo che ha ucciso i suoi due bambini di 8 e 2 anni martedì scorso, avrebbe dovuto essere ascoltato dal Gip al San Gerardo lunedì ma l’interrogatorio è saltato perché non è ancora in grado di parlare.

Dopo aver ucciso i suoi due bambini, Thomas ed Elena, nella casa di via IV novembre a Paina di Giussano, aveva tentato di togliersi la vita anche lui ma l’arrivo dei soccorsi lo aveva salvato.

I medici lo hanno tenuto in coma farmacologico indotto fino a lunedì quando si è risvegliato.

Proprio mentre l’omicida dei due piccoli ha riaperto gli occhi Thomas ed Elena venivano sepolti e una folla di persone si stringeva al dolore delle due mamme per la loro inestimabile perdita.

A illustrare le condizioni di salute di Michele Graziano è stato il suo legale, Antonio De Benedetti, che ha commentato come inevitabile la decisione di rimandare l’interrogatorio perché Graziano è sedato e non ha voce.

Starà ai medici stabilire quando fissare la prossima data in cui il Gip potrà ascoltarlo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Graziano non riesce a parlare: slitta l'interrogatorio al papà che ha ucciso i suoi bambini

MonzaToday è in caricamento