menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sul posto sono giunti immediatamente i carabinieri

Sul posto sono giunti immediatamente i carabinieri

Uccide i genitori e chiama i carabinieri

E' successo la sera di San Valentino a Veduggio: l'assassino reo confesso è il figlio 42enne

Ha ucciso la madre e il padre e, dopo aver compiuto, il folle gesto ha chiamato i carabinieri.

La tragedia, l'ennesima in pochi giorni in Brianza, si è consumata a Veduggio, in via Dante nell'appartamento che l'uomo, Giuseppe La Mendola, 41 anni, divideva con gli anziani genitori, il padre Vincenzo (74 anni) e la madre Angelilna Incannella (78 anni). E' proprio da quell'appartamento che è partita la chiamata alle forze dell'ordine del reo confesso quando ormai non c'era più nulla da fare.

Sul posto sono giunti immediatamente i carabinieri di Seregno che hanno arrestato il reo confesso per il duplice omicidio. Il figlio avrebbe ucciso madre e padre, stando alle prime informazioni, colpendoli fino a togliergli la vita con un sottovaso. L'uomo è stato portato in caserma in stato confusionale e adduceva motivazioni illogiche per il suo gesto, parlando di una necessità di difesa.

Si è saputo che l'uomo era in cura presso un centro psico-sociale a Besana Brianza. E' stato trasferito nel carcere di Monza in attesa della convalida del fermo e del primo interrogatorio. Probabilmente però verrà poi detenuto in un reparto di psichiatria.

Per tutta la notte i carabinieri hanno interrogato sia lui sia i vicini di casa. Il movente non è ancora chiaro: oltre all'ipotesi del raptus improvviso c'è ancora in campo quella di una premeditazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento