Muratori in nero in un cantiere di Monza, operai e titolare entrambi nei guai

È successo nella giornata di giovedì 9 luglio, il titolare dell'azienda e i "dipendenti" sono stati denunciati

Immagine repertorio

Erano irregolari in Italia e lavoravano in nero in un cantiere edile di Monza. E per loro, tre muratori marocchini, sono iniziati i guai. È successo nella giornata di giovedì 9 luglio durante un controllo del nucleo della polizia edilizia della Locale di Monza.

I ghisa, come riferito dal comando da via Marsala, sono intervenuti in un cantiere in zona Triante per un controllo di routine. E durante gli accertamenti è emerso che tre operai lavoravano senza un regolare contratto; non solo: non erano in regola con il permesso di soggiorno.

I tre sono stati accompagnati negli uffici, fotosegnalati e denunciati per ingresso irregolare in Italia, il datore di lavoro, anche lui egiziano, è stato denunciato per aver occupato alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento