Al San Gerardo di Monza il primo intervento nel mondo di trapianto di mani senza rigetto

La ASST di Monza prima al mondo per le terapie antirigetto nei trapianti delle mani. La storia di Carla che oggi può di nuovo usare le mani

Il Direttore Generale della ASST di Monza Matteo Stocco, la paziente Carla e il Dottor Massimo Del Bene

Un intervento unico al mondo eseguito al San Gerardo di Monza con il primo caso mondiale di terapia antirigetto con cellule staminali mesenchimali.

Nel 2007 Carla, all’età di 48, non aveva né mani né piedi: gli arti le erano stati amputati per una necrosi secondaria legata ad una setticemia. Oggi, a nove anni di distanza, Carla è tornata al San Gerardo per parlare, insieme al personale della ASST di Monza, dell’intervento unico al mondo di cui è stata protagonista e, più che i discorsi, a raccontare per lei sono state le sue mani, che dopo l'intervento hanno recuperato una buona manualità.

ECCO L'INTERVENTO UNICO AL MONDO E LE FOTO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

Torna su
MonzaToday è in caricamento