Opere d'arte false spacciate per vere e vendute: denunce per contraffazione e ricettazione

Il Nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Monza e Brianza, in collaborazione con i colleghi del Veneto, hanno sequestrato 54 opere d'arte false

I sequestri sono stati operati dal Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale

C'era chi commercializzava quadri spacciandoli per tele d'autore e chi li comprava.

Ma le opere di De Chirico, de Pisis, Chagall e Schifano, sequestrate dai carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Monza, cinquantaquattro in tutto, non erano altro che falsi.

Le opere sono state realizzate dalla mano di un uomo di origine romana di 45 anni, diplomato alle Belle Arti.

I quadri realizzati dall'artista che riproduceva perfettamente le grandi tele d'autore venivano poi immessi sul mercato attraverso la figura di un ex venditore di opere d'arte di Cremona già noto alle forze dell'ordine.

Entrambi sono stati denunciati per contraffazione di opere d'arte.

Nei guai inoltre sono finiti anche quattro compratori, tutti professionisti del settore: l'accusa per loro è quella di ricettazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento