rotate-mobile
Cronaca

Giro di vite contro il degrado a Monza con l'ordinanza del sindaco: multe fino a 300 euro

Ecco i divieti e i comportamenti banditi

A Monza giovedì 3 agosto è entrata in vigore un'ordinanza emessa dal sindaco Dario Allevi contro il degrado in città.

Il documento, spiegano dal municipio, è stato emesso "per contrastare e prevenire quei comportamenti che creano situazioni di grave incuria, degrado del territorio, pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, disturbo della tranquillità e del riposo dei residenti, determinando sentimenti di inquietudine e forte percezione di pericolo".

L'ordinanza vieta l'accattonaggio, la questua, la vendita di beni sulla strada, il consumo di alcol negli spazi pubblici e privati aperti al pubblico, il bivaccamento negli spazi pubblici, nei giardini, all'esterno degli esercizi pubblici e commerciali ed in tutti i luoghi frequentati dai cittadini e tutti quei comportamenti che determinano scadimento della qualità urbana e turbano o ostacolano l'utilizzo di spazi di uso pubblico da parte dei cittadini.

Tra questi nel testo sono menzionati il consumo di bevande alcoliche, l'espletamento di bisogni fisiologici a cielo aperto, l'intralcio per il libero transito dei cittadini, la molestia ai cittadini (in particolare donne ed anziani) e le attività di parcheggiatore o guardia macchine abusivo.

L'ordinanza ha decorrenza immediata e validità di 120 giorni. Chi violerà le prescrizioni dell'ordinanza andrà incontro a una sanzione amministrativa che varia da 50 a 300 euro. E, nei casi previsti dalla norme in vigore, anche al cosiddetto daspo urbano L.48/2017, cioè l'emissione di un ordine di allontanamento con trasmissione del provvedimento al Questore.

QUI IL TESTO COMPLETO DELL'ORDINANZA 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di vite contro il degrado a Monza con l'ordinanza del sindaco: multe fino a 300 euro

MonzaToday è in caricamento