menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Da due mesi ricevo minacce di morte: ecco perché ho deciso di denunciare"

Il racconto del sindaco di Ornago che da febbraio riceve lettere con fotografie del suo volto gravemente mutilate

La prima lettera è arrivata il 10 febbraio 2021. Poi ne sono arrivate altre: sempre con lo stesso stile minaccioso e sanguinario. Alla fine, dopo due mesi, il sindaco di Ornago ha deciso di uscire allo scoperto e di denunciare colui che gli continuava ad augurare la morte. Prima con un post sul suo profilo Facebook, poi con una denuncia ufficiale contro ignoti dai carabinieri della caserma di Bellusco.

"Non avevo dato importanza a quella prima foto"

“All’inizio non ci avevo dato peso – racconta il sindaco Daniel Siccardi a MonzaToday -. La prima minaccia è di febbraio: uno scritto con la mia foto dove il mio volto era visibilmente ferito”. Siccardi – 34 anni, sposato e con due bambini – non aveva dato importanza a quel primo messaggio minatorio. Probabilmente uno scherzo di cattivo gusto, che il giovane sindaco aveva messo nel cassetto. “Ma poi l’episodio si è ripetuto numerose volte – prosegue -. Sempre con lo stesso stile: fotografie recapitate a casa e nella casella di posta elettronica del Comune con l’immagine del mio volto gravemente menomato”. L’ultima - che ha  postato sul suo profilo Facebook ovviamente sgranandola per non urtare la sensibilità delle persone – è stata quella che ha portato allo scoperto di una vicenda che da tempo il sindaco aveva tenuto nascosto alla sua comunità. "Ho deciso di denunciare - aggiunge - non tanto per me, ma per la tranquillità della mia famiglia: per mia moglie e per i miei bambini"

Cittadini e politici al fianco del primo cittadino

“Già dalla seconda lettera minatoria mi ero confrontato con le forze dell’ordine – prosegue -. Prima di arrivare alla denuncia mi sono consultato anche con il mio legale. Ho deciso di rendere pubblica questa vicenda perché, denunciandola prima sui social, mi auguro che questa persona la smetta”. Immediata la solidarietà della comunità di Ornago, ma anche dai colleghi sindaci del territorio. “Ho ricevuto numerosi messaggi di vicinanza – aggiunge -. Mi auguro che la vicenda sia finita qui”.

"Non so chi possa essere"

Daniel Siccardi non ha idea di chi possa avercela così tanto con lui, da augurargli persino la morte. “Sono sindaco a tempo pieno – conclude -. Sono una persona contro la violenza; è naturale avere idee diverse o divergenze ma tutto si risolve con un confronto civile ed educato. Non so proprio chi mi possa augurare tutto questo male”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento