Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Incendio nell’atelier di Vincenzo Iacono, in fumo decine di opere d’arte

L'artista è rimasto lievemente intossicato. Il rogo è divampato a causa di un corto circuito a una stufa. Distrutto lo studio e gli arredi. E' il secondo incidente in due anni

PADERNO DUGNANO – Il volto annerito, i capelli intrisi di fuligine, le mani impastate di cenere: fino all’ultimo il pittore Vincenzo Iacono ha cercato di salvare i suoi «figli» di olio e tempera dalle fiamme che li stavano divorando. Ma non ce l’ha fatta: il rogo ha mandato in fumo non solo le opere d’arte, ma anche gli arredi del suo studio, in un vecchio seminterrato di uno stabile in via Benedetto Marcello, a Paderno Dugnano. L’artista – molto noto in Lombardia con il nome di Vicenzo I – è rimasto intossicato in forma lieve.

L’incendio, divampato nel primo pomeriggio a causa di un corto circuito a una stufa, ha completamente distrutto il seminterrato che da anni l’artista ha trasformato nel suo atelier. Sono finiti in cenere i mobili e sono rimasti danneggiati i muri. Le fiamme hanno divorato anche numerosi quadri e sculture dell’artista. A domare il rogo sono arrivati i vigili del fuoco di Milano che hanno dovuto lavorare non poco per riuscire a fare arrivare le pompe nell’angusto seminterrato. Disagevole per i mezzi anche l’ingresso nella stretta via dove abita l’artista.

Non è la prima volta che l’atelier di Vincenzo Iacono è devastato da un incendio. Due anni fa un rogo aveva distrutto lo studio. Quella volta le mani dell’artista erano rimaste ustionate nel tentativo estremo di salvare alcune preziose opere d’arte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio nell’atelier di Vincenzo Iacono, in fumo decine di opere d’arte

MonzaToday è in caricamento