menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accoltella a una mano il figlio 16enne, padre arrestato

La lite pare sia scoppiata a causa del mancato rispetto di precetti islamici

A 16 anni, aveva manifestato insofferenza verso le prescrizioni religiose islamiche. Un atteggiamento che il padre, 64 anni, autoritario e scrupoloso osservante della religione islamica, non tollerava. Per questo l’uomo alcune sere fa ha litigato in modo violento con il ragazzino.

La lite e il coltello

Di fronte a un suo ostinato rifiuto, il genitore ha iniziato a picchiarlo in modo pesante. L’episodio di violenza domestica è avvenuto in una vecchia casa di corte nel centro storico di Limbiate. Al culmine della lite, ha preso un coltello e lo ha ferito in modo lieve a una mano. Sono arrivati i carabinieri di Desio, chiamati dai vicini, terrorizzati dalle urla. I militari hanno interrotto la lite e hanno arrestato il 64enne per violenza in famiglia. Medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Garbagnate Milanese, l’adolescente guarirà in 15 giorni. Ha un braccio bendato.

L'arresto

Secondo quando riferito dai vicini di casa, l’uomo, estremamente chiuso e autoritario, picchiava il ragazzino fin dalla più tenera età. L’arresto è motivato anche dal fatto che le liti e i pestaggi del figlio erano stati molto numerosi e già segnalati alle forze dell’ordine.

Negli ultimi tempi però il 16enne aveva manifestato segni sempre più frequenti di insofferenza alla disciplina che il padre imponeva a tutta la famiglia: anche alla moglie, che come il figlio non poteva uscire di casa senza aver prima il permesso del capofamiglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento