Patrocinio del comune al banchetto della onlus vicina a Lealtà e Azione, Anpi: "Inaccettabile"

A commentare la scelta è stato Roberto Cenati Presidente Anpi provinciale Milano

Foto dal sito Lealtà e Azione

"E' veramente inaccettabile e offensivo che il Comune di Monza, terza città della Lombardia, abbia dato il suo patrocinio ad una iniziativa dell'associazione Bran.co, diretta emanazione di Lealtà e Azione, l'organizzazione neofascista che si ispira al pensiero di Leon Degrelle, ufficiale delle Waffen SS e di Corneliu Codreanu, fondatore della Guardia di Ferro rumena, movimento antisemita degli anni trenta".

Con queste parole Roberto Cenati Presidente Anpi provinciale Milano, ha sollevato alcune perplessità in merito alla decisione di concedere il patrocinio al banchetto solidale della Onlus Bran.Co in programma per sabato 2 dicembre sotto i portici dell'Arengario. L'evento, pubblicato sul sito del comune di Monza, dove si menziona anche il patrocinio, rientra nel programma delle iniziative natalizie in città dove, su decisione dell'amministrazione comunale, quest'anno lo spazio sotto i portici dell'Arengario sarà destinato alla Solidarietà e concesso gratuitamente alle associazioni che vorranno allestire mercatini solidali e banchetti per presentare le proprie attività. 

"Bran-co Branca Comunitaria è una Onlus che promuove iniziative di sostegno alla famiglia, all’infanzia abbandonata e sofferente, a quanti patiscono difficoltà fisiche, economiche o morali. Negli ultimi anni sostiene il progetto "Una Voce nel Silenzio" per far voce a tutte quelle comunità che sono oggi perseguitate per la loro fede cristiana" si legge nella breve presentazione dell'evento pubblicata sul sito. 

Alla stessa Onlus in tempi di campagna elettorale, lo scorso maggio, era stata negata l'autorizzazione per l'occupazione di suolo pubblico dall'Ufficio Polizia Amministrativa. Le postazioni, avevano spiegato dagli uffici del municipio in una mail resa pubblica dalla stessa onlus, erano destinate ai partiti per finalità politiche e si sarebbero potute valutare eventuali concessioni dopo il 23 giugno. 

"Monza, alla Onlus Bran.co viene negato qualsiasi permesso per occupazione di suolo pubblico per raccogliere cibo per le famiglie italiane in difficoltà, fino al 23 giugno, per lasciare spazio ai partiti per fini elettorali. Ieri però, da pomeriggio a sera, si è svolto un evento di Emergency, associazione umanitaria, dove hanno cantato anche dei richiedenti asilo. Evento di sensibilizzazione o campagna elettorale?" avevano commentato dall'associazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

suolo pubblico-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento