Pedemontana, l'accusa dei sindaci: "Sono finiti i soldi"

Cinque sindaci brianzoli lanciano l'allarme: "Completato solo il primo tratto, tutto il traffico finirà sulla Milano Meda". Una strada che è già al collasso.

La riunione in Provincia

MONZA - Se la Seregno-Saronno, la "Pedemontana ferroviaria" è partita con il piede sbagliato, sembra che una maledizione attanagli anche la "versione" di asfalto: osteggiata, difesa, sempre e comunque controversa. 

La denuncia arriva dai sindaci dei comuni coinvolti nella realizzazione della tratta B2 dell'autostrada che garantirà i collegamenti lungo l'asse est-ovest."Sono finiti i soldi - lamentano all'unisono i sindaci di Lentate, Barlassina, Seveso, Meda e Cesano Maderno in riunione nella sede della Provincia di Monza e Brianza. "Il progetto esecutivo delle tratte brianzole ha un ritardo drammatico e inspiegabile: un fatto che rende impossibile concludere l'opera in tempo per l'Expo 2015"

IL TRAFFICO SULLA MILANO MEDA - Il rischio, fanno presente gli amministratori, è che si completi la tratta A8-A9 ( il tratto di raccordo tra le autostrade per Varese e Como) e che poi tutto il traffico, non potendo proseguire oltre sulla strada a pedaggio, si riversi sulla SP 35: la Milano-Meda, tristemente nota per  una viabilità già al collasso da decenni.

SOLDI SOTTRATTI ALLA BRIANZA - I tempi stringono. "E per ottenere questo scempio - proseguono i brianzoli -  sarebbe necessario destinare alla tratta già in esecuzione gran parte degli 1,2 miliardi di euro di contributo pubblico destinato all'intera opera". Sottraendoli, quindi, alla Brianza e alla provincia di Bergamo, e pregiudicando definitivamente la prosecuzione dei lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE RICHIESTE ALLA REGIONE - Un epilogo insostenibile per uno dei progetti più importanti per la Lombardia: una grande opera che sia Maroni che Ambrosoli considerano una priorità strategica, da portare a compimento senza se e senza ma. Per questo i sindaci chiedono alla Regione di farsi garante della prosecuzione e completamento dei lavori. Non solo: si chiede anche di non autorizzare l'uso del contributo pubblico per compensare le risorse non versate dai soci privati, e di imporre a Pedemontana Spa il versamento di 60 milioni di euro per realizzare le opere di compensazione previste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento