rotate-mobile
Cronaca

Don Mario: striscioni e lenzuoli per il prete "licenziato"

Quella che si sta verificando a Perego, nella Brianza lecchese, è una vera e propria sollevazione del mondo cattolico, se qualcuno non se ne fosse accorto. Qualcosa di interessante in un panorama politico scialbo

Prosegue a gonfie vele la raccolta di firme a sostegno di Don Mario, il sacerdote sollevato dalla cura delle anime di Perego, paesino della brianza lecchese, dopo aver espresso pubblicamente su Facebook un commento a favore delle coppie omosessuali. Nei giorni scorsi per le strade della Brianza e sui balconi dei palazzi sono spuntati striscioni tutti uguali: "Io sto con Don Mario". Il gruppo Facebook ha ormai più di 957 iscritti, la veglia di domenica è stata un successo e il 18 ci sarà una fiaccolata.Insomma una vera e propria sollevazione.

Lenzuola e striscioni per don Mario, prete "licenziato"

E' stato lo stesso sacerdote a quanto risulta a pregare di diffondere la sua storia: resta da vedere se i polverosi ambienti della Curia milanese si lasceranno impressionare.  Ma c'è un dato su cui riflettere. Questa volta la "contestazione" non arriva da no-global o attivisti, ma un popolo di credenti e insospettabili, che sta mostrando una reazione inaspettata. Chi credeva che i cattolici la pensassero così?  Non per buttarla in politica, ma quello che sta accadendo a Perego è forse un segnale che vale quanto un referendum. Al di là della Curia, che per tradizione non si scompone, chi ha orecchie per intendere intenda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Mario: striscioni e lenzuoli per il prete "licenziato"

MonzaToday è in caricamento