Creavano false ditte per assumere immigrati clandestini: 171 persone indagate e 11 arresti

La banda favoriva l'immigrazione clandestina e la permanenza illegale sul territorio nazionale

Sono centosettantuno le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Monza, delle quali undici destinatarie di misure cautelari, a seguito delle indagini della Polizia di Stato. 

VIDEO | L'OPERAZIONE

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

sa

L'attività investigativa dei poliziotti del Commissariato di Monza ha delineato l'organigramma dell'associazione che favoriva l'immigrazione clandestina e la permanenza illegale sul territorio nazionale tramite la creazione di documentazione falsa da presentare per l'istanza del permesso di soggiorno: un commercialista brianzolo, titolari di ditte fittizie nelle quali assumere i cittadini stranieri e i procacciatori di clienti. Le indagini hanno portato a scoprire la documentazione di oltre trenta le ditte fittizie che hanno assunto più di millecinquecento dipendenti.

Un semplice calcolo, sulla base di un prezzo medio corrisposto, permette di quantificare il volume d’affari dell’associazione per delinquere in una cifra oscillante tra i due ed i tre milioni di euro dall’anno 2012.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento