menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri in stazione

I carabinieri in stazione

Aggredisce donna in stazione con coltello e le sbatte la testa contro palo: arrestato

L'uomo, 30 anni, cittadino tunisino ha aggredito la donna per derubarla dello smartphone e di cento euro. Poi l'inseguimento e l'arresto tra i binari grazie alla chiamata fatta ai carabinieri da una testimone che ha sentito le urla e visto l'intera scena dalla finestra

Il coltello che quasi la sfiora, uno sconosciuto che all'improvviso le prende la testa tra le mani e la sbatte contro un palo della ferrovia e poi le botte con le ferite al volto per portarle via cento euro, i documenti, la tessera ferroviaria e il telefonino. Una violenta e brutale aggressione, avvenuta in Brianza, lunedì sera lungo la banchina della stazione di Cesano Maderno terminata con l'arresto di un uomo di trent'anni, cittadino tunisino ora accusato di rapina aggravata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

In una città silenziosa oltre l'orario del coprifuoco le urla disperate della vittima, 28 anni, hanno attirato l'attenzione di una signora che abita in un palazzo vicino che si è affacciata alla finestra e ha assistito a quanto stava accadendo, riuscendo così a dare l'allarme ai carabinieri.

L'arrivo dei carabinieri e l'arresto

A rompere il silenzio della notte poco dopo sono state le sirene delle pattuglie della Sezione Radiomobile della compagnia di Desio e della Tenenza di Cesano Maderno che sono giunte in stazione e hanno soccorso la donna che è stata aggredita e rapinata poco dopo aver terminato il suo turno di lavoro in un pub delle vicinanze e aver raggiunto la stazione in attesa del treno per rientrare a casa, a Bergamo.

I carabinieri si sono messi sulle tracce dell'aggressore che nel frattempo aveva tentato la fuga tra i binari: dopo una corsa proseguita per una decina di metri lungo la massicciata, schivando i colpi delle pietre che l'uomo lanciava in direzione dei militari, sono scattate le manette.

Il 30enne, senza fissa dimora e senza documenti di identità, è stato fermato e arrestato dopo una breve colluttazione e ora si trova in carcere a Monza. La vittima invece è stata accompagnata in codice giallo all'ospedale di Desio. Le ferite guariranno presto: per lasciarsi alle spalle il ricordo di questa brutta esperienza invece ci vorrà un po' più di tempo.

carabinieri stazione notte-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento