Cronaca

La polizia locale insegue e ferma un centauro: senza patente e ai domiciliari

Il fatto è accaduto a Monza lunedì 10 maggio. La pattuglia in borghese ha inseguito l'uomo che non si era fermato per due volte al semaforo rosso

Scorrazza a bordo della moto per le vie di Monza, rischiando anche di provocare incidenti, e quando gli agenti in borghese della polizia locale lo fermano scoprano che il centauro è senza patente e agli arresti domiciliari. Però con il permesso, per quella giornata, di uscire.

Il fatto è accaduto a Monza lunedì 10 maggio. Una pattuglia del Nucleo operativo territoriale “Lince” ha fermato, dopo un inseguimento, un uomo di 46 anni di Monza, che a bordo di una moto di grossa cilindrata aveva già commesso alcune infrazioni del codice della strada.

Aveva attraversato due incroci senza fermarsi al semaforo rosso, rischiando di provocare un incidente. Gli agenti della locale, a bordo dell’auto civetta, lo hanno inseguito e raggiunto, e dopo averlo fermato all’altezza della Villa Reale hanno scoperto che il centauro – V.L., 46 anni di Monza – non aveva mai conseguito la patente, era agli arresti domiciliari, ma con permesso di uscita nella giornata di lunedì 10 maggio per motivi personali.

L’uomo è stato sanzionato, e la moto sottoposta a fermo amministrativo per 3 mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia locale insegue e ferma un centauro: senza patente e ai domiciliari

MonzaToday è in caricamento