Risolvere i piccoli problemi o trovare un aiuto: a Monza nasce la portineria sociale

Il nuovo servizio di quartiere inaugurato presso il circolo Arci Scuotivento

Un aiuto per piccole commissioni, uno spazio dove usare un pc e una connessione o ancora trovare una voce amica, un consiglio per una baby sitter o un artigiano e un po' di solidarietà.

A Monza martedì inaugura la portineria sociale presso il circolo Arci Scuotivento. Si tratta di “uno spazio a cui appoggiarsi per le piccole commissioni e i problemi del quotidiano. L’idea è quella di fornire un servizio a disposizione di tutti e favorire mutuo aiuto e relazioni, con l’obiettivo di contribuire a migliorare la vivibilità del quartiere, l’integrazione nel tessuto sociale della città, l’apertura e la solidarietà” spiegano da Arci Scuotivento.

Il portierato sociale è stato ideato non solo come un luogo “risolvi-problemi” dove poter trovare informazioni utili, come il reperimento di un artigiano o un tecnico specializzato e ancora un aiuto per compilare moduli e bollettini. Ma punta anche a essere uno spazio di ascolto, scambio di competenze e valorizzazione delle risorse presenti nei cittadini del quartiere attraverso iniziative di incontro, aggregazione e momenti ludici. Il progetto prevede l‘apertura della portineria nelle giornate di martedì e giovedì dalle 10 alle 17, per un totale di 14 ore settimanali.

Responsabile del progetto Paola Arpago, socia fondatrice del Circolo, che si dividerà tra i fornelli della Trattoria Popolare e lo sportello. "Il portierato sociale ha una missione, quella di rendere più semplice la vita delle persone aiutandole a cercare ciò di cui hanno bisogno. In realtà, quell’atmosfera calda e umana che ricrea quella delle vecchie portinerie di condominio e i legami che nascono vanno ben oltre al pratico e sono un ottimo modo per combattere solitudine, isolamento, paura”, commenta Margherita Motta, presidentessa del Circolo Arci Scuotivento. “Rivolta a tutti ma con un occhio di riguardo alle persone con fragilità, la nostra portineria, come d'altra parte il nostro Circolo, è un presidio responsabile nel quartiere”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presso il circolo è attiva dal martedì al venerdì anche la Trattoria Popolare: un'unica tavolata aperta a tutti, con cibo buono e sano preparato dai volontari di turno, dove gli ospiti pagano quello che possono oppure ci si ferma a dare una mano in cambio di quanto mangiato. Quest a Monza non è la prima portineria sociale e il fenomeno è già stato sperimentato anche in via Silva 26, nel quartiere San Carlo-San Giuseppe, e in zona Sant’Albino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento