Bicchieri, lattine e chiazze: cosa resta in Villa dopo la festa di Mtv

Il servizio d'ordine ha funzionato alla grande. Straordinari, invece, per il servizio di pulizia, che ha dovuto dare nuovo lustro al prato della Villa. Che, come era inevitabile, ha risentito, e non poco, dell'evento. Le immagini

La situazione sabato mattina - Foto da Fb G. Giulai

A metà mattina la Villa Reale e il suo giardino erano già tornati al loro splendore. O meglio, quasi. Perché qualche bicchiere di plastica qui e lì, e più di qualche chiazza sul prato, erano rimasti a ricordare l’evento di qualche ora prima. 

Come era inevitabile, gli Mtv digital days hanno lasciato uno strascico di polemiche in città e un “manto di sporco” in Villa Reale. 

Il servizio di pulizia, più che efficiente, ha dovuto faticare, e non poco, per ripulire il giardino della Reggia dal tappeto di bicchieri di plastica, lattine, bottiglie, palloncini e quant’altro i quindicimila presenti durante i due giorni hanno pensato bene di abbandonare a terra. 

Ineccepibile, invece, l’organizzazione dell’evento, con un servizio d’ordine super, che ha evitato ogni problema in Villa. 

Poco hanno potuto fare, però, gli organizzatori per evitare che il prato fosse letteralmente “zappato” dai tanti giovani presenti, che si sono scatenati sulle note dei dj più famosi del panorama internazionale. 

Un pericolo che i comitati a difesa del Parco avevano previsto. Un pericolo, però, che Monza aveva scelto di correre. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento