rotate-mobile
Cronaca

Stop al degrado: arriva la mappa delle aree a rischio della Brianza

Sottoscritto in prefettura un protocollo di collaborazione tra enti, comuni, forze dell'ordine, polizia locale e cittadini

L'unione fa la forza: cittadini, enti, comuni, forze dell'ordine, polizia locale. Un importante progetto di collaborazione per arginare il problema del degrado e della microcriminalità in Brianza, il tutto nel rispetto delle rispettive competenze, responsabilità e ruoli

Questo, in sintesi, il contenuto del protocollo sottoscritto ieri, mercoledì 23 febbraio, in prefettura a Monza. Un protocollo d’intesa per la promozione della sicurezza integrata e del controllo di vicinato, a cui hanno preso parte il prefetto Patrizia Palmisani, il questore Marco Odorisio, il comandante provinciale dei carabinieri Gianfilippo Simoniello, il comandante provinciale della guardia di finanza Maurizio Querqui, il presidente della Provincia Luca Santambrogio, sindaci e rappresentanti delle amministrazioni comunali. 

Il protocollo prevede prima di tutto la mappautura delle aree urbane più "sensibili" (per degrado, abbandono, incuria, episodi di delinquenza). I fenomeni di criminalità e di disagio sociale che impattano negativamente sulla sicurezza della comunità saranno costantemente monitorati in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, con l’obiettivo di elaborare strategie condivise. Con una duplice modalità di intervento: da una parte incrementare le attività di prevenzione e di controllo da parte delle forze dell'ordine (con il coinvolgimento per gli aspetti di competenza delle polizie locali), dall'altra con attività per il miglioramento e il decoro urbano. 

Sul diverso piano della collaborazione tra istituzioni e cittadini, il protocollo – attraverso l’istituzionalizzazione del controllo di vicinato e la regolamentazione del rapporto con le forze dell'ordine - promuove l’avvio di percorsi di cittadinanza attiva e di partecipazione diretta dei cittadini alla cura del proprio territorio, con l’obiettivo di costruire una rete che sostenga le forze di polizia nello svolgimento della loro funzione di controllo del territorio attraverso segnalazioni non soltanto sui fenomeni criminali, ma anche di disordine sociale e di degrado, così contribuendo alla crescita della percezione di sicurezza, della fiducia nelle istituzioni e della coesione sociale delle comunità.

Il protocollo è stato firmato dai comuni di Monza, Albiate, Bellusco, Biassono, Briosco, Brugherio, Burago di Molgora, Carnate, Cavenago di Brianza, Cesano Maderno, Concorezzo, Cornate d’Adda, Lissone, Meda, Mezzago, Nova Milanese, Seregno, Seveso, Usmate Velate, Varedo e Villasanta. I sindaci di altri 7 Comuni sottoscriveranno il protocollo nelle prossime settimane, avendo già già comunicato formalmente alla Prefettura l’intenzione di aderire: Arcore, Barlassina, Carate Brianza, Desio, Giussano, Limbiate e Sovico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al degrado: arriva la mappa delle aree a rischio della Brianza

MonzaToday è in caricamento